Visita altri paesi: Bulgaria | Cambogia | Cina | Colombia | Etiopia | India | Russia | Ucraina

Procedure adozione

 

La settimana scorsa si è tenuto a Hue un incontro organizzato dallo IAD – International Adoption Department (autorità centrale vietnamita) – con la partecipazione delle agenzie straniere per le adozioni in Vietnam internazionali operanti sul territorio vietnamita. Scopo della conferenza era un aggiornamento della nuova procedura di adozione.

Il IAD ha informato che le liste di presentazione dei minori in stato di adottabilità a livello internazionale saranno pronte nel mese di settembre.

Il tempo necessario per la procedura è di circa 6/7 mesi perché, iniziando dagli accertamenti e dalla lista per l’adozione nazionale che ha la priorità, si arriva alla lista per le adozioni in Vietnam internazionali.

Le liste di minori saranno due: nella seconda saranno inseriti i bambini con più di 5 anni ed i minori con necessità particolari.

Il IAD ha detto di non sapere, al momento, quanti minori risulteranno disponibili per l’adozione in Vietnam internazionale e quindi di non poter ancora prevedere come verranno ripartiti le proposte di abbinamento tra i vari Paesi di accoglienza.

Non sono state fornite informazioni sui dossier già depositati e senza abbinamento alla data del 31/12/2010.

Ricordiamo che il 2 dicembre 2010, ad Hanoi, l’autorità vietnamita aveva rassicurato la nostra Commissione circa il buon fine di tali dossier.

Ciascuna pratica di adozione deve essere svolta in conformità alla legislazione dello Stato di accoglienza e dello Stato di origine e deve essere autenticata dall’Autorità centrale. Tutti gli atti della pratica di adozione devono essere accompagnati da una traduzione autenticata, certificata conforme all’originale dalla Rappresentanza diplomatica o consolare dello Stato d’origine. I costi della traduzione sono a carico degli adottanti.

L’Autorità Centrale dello Stato di accoglienza del minore accerta che gli adottanti siano in possesso dei requisiti necessari per adottare, e che il minore sarà autorizzato all’ingresso e alla residenza permanente sul territorio dello Stato di accoglienza.