Visita altri paesi: Bulgaria | Cambogia | Cina | Colombia | Etiopia | India | Russia | Ucraina

Normativa di riferimento

 
  1. Accordo bilaterale fra il Governo della Repubblica italiana e il Governo della Repubblica socialista del Vietnam in materia di adozioni  
  2. Legge n° 22/2000 QH10 del 9 giugno 2000 relativa al matrimonio e alla famiglia applicabile dal 1 gennaio 2001

Nuova normativa vietnamita in tema di adozioni

Legge No. 52/2010/QH12 del 17 giugno 2010

 Il 1° gennaio 2011 è entrata in vigore in Vietnam la Legge 52/2010/QH12 No. in tema di adozione di minori. La nuova normativa sostituisce la precedente introducendo una serie di principi volti a cambiare la concezione dell'istituto in questione e basandosi sui seguenti presupposti:

  • deve essere rispettato il diritto del fanciullo di poter vivere nel proprio ambiente familiare;
  • nel caso in cui ciò non sia possibile devono essere garantiti i diritti e gli interessi del minore a crescere in una famiglia adottiva;
  • devono essere rispettati i principi dell'uguaglianza, dell'indiscriminazione sessuale, del rispetto della legge e dell'etica sociale;
  • l'adozione in Vietnam internazionale ha carattere residuale.

Per quanto riguarda l'adozione nazionale, una delle nuove disposizioni prevede che la differenza di età tra adottante e adottato deve essere di almeno 20 anni. Si parla di adozione internazionale quando l'adottante è cittadino di un Paese contraente accordi internazionali con il Vietnam, o è un cittadino straniero residente in Vietnam o è cittadino vietnamita residente all'estero. Il rilascio del certificato di adozione avviene tramite il Dipartimento di Giustizia del Comitato Provinciale del Popolo in cui il bambino ha la residenza.

Attraverso questa nuova disciplina, le Autorità del Vietnam hanno espresso la volontà di aderire alla Convenzione dell'Aja per la cooperazione in materia di adozione internazionale, una scelta che è un chiaro segnale positivo verso la tutela dei fanciulli.